Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





giovedì 16 marzo 2017

MAIORANA CALLIOPE VARIANTE SEQUESTRO ABITABILITA' - Video Dailymotion


Maiorana dal notaio 2 giorni prima della... di isolapulita






Maiorana dal notaio 2 giorni prima della scomparsa del 3 agosto 2007 - Video Dailymotion
: Il 1 agosto 2007 due giorni prima della scomparsa di Antonio e Stefano Maiorana dal Cantiere di Isola delle Femmine dove stavano costruendo un complesso di 50 appartamenti. I Maiorana con Karina (convivente di Antonio e titolare di un pacchetto del 50% delle azioni della Calliope) e DARIO LOPEZ ( Titolare dal luglio 2007 del 50% delle azioni della Calliope ed è genero di Salvatore Bandiera proprietario dell'area edificata della Caliope). Sono dal notaio per stipulare alcuni rogiti, Antonio Maiorana, appartatosi con DARIO LOPEZ ha un furioso e violento litigio verbale e fisico. MOTIVO? http://calliopeisoladellefemmine.blogspot.com
 
 
 
RICHIESTA PROTEZIONE INCOLUMITA' PERSONALE A
SEGUITO DI MINACCE
 
 


 


  


COMITATO CITTADINO ISOLA PULITA
Aderente alla Sezione Legambiente Palermo

Giuseppe Ciampolillo

Via Sciascia 13

90040 Isola delle Femmine PA 



A Sua Ecc. Signor Prefetto Dr. Giosuè Marino
racc.ric rit 12429630334-4


Ufficio Territoriale del Governo

Via Cavour n. 6

90133 Palermo



Al Sig. Sindaco del Comune di Isola delle Femmine

prot 9429 20 agosto 2007



E p.c. A S.E. On.le Prof. Giuliano AMATO rac ric
rit 12429630333-3


Ministro degli Interni

Palazzo del Viminale

ROMA



E p.c. Alla Procura della Repubblica rac ric rit
12429630332-2


Signor Procuratore Dr.Gaetano Paci

Piazza Vittorio Emanuele Orlando

90100 PALERMO



E p.c. Presidente Commissione Antimafia rac ric
rit 12429630331-1


On.le Francesco Forgione

Camera dei Deputati

Palazzo San Macuto

00186 Roma (RM)



E p.c.Al Comitato Regionale di Legambiente racc.
ric. rit 12429630330-0


Via Agrigento 67 90139 Palermo

E p.c. Al Capo Gruppo Consiliare "Insieme
Isola delle Femmine" prot 9429


E p.c. Al Capo Gruppo Consiliare "Isola per
Tutti" prot 9429


E p.c. Al Capo Gruppo Consiliare "Isola
Democratica" prot 9429




Oggetto: Richiesta di intervento sicurezza personale



Con la presente il sottoscritto Giuseppe
Ciampolillo, residente a Isola delle Femmine Via Sciascia 13, Coordinatore del
Comitato Cittadino Isola Pulita sezione Legambiente Palermo




Informa Il Signor Sindaco e le Autorità in
indirizzo che:




a seguito degli ultimi avvenimenti che hanno visto
Isola delle Femmine al centro dell'attenzione dei tanti mezzi di comunicazioni
ed informazione sia a mezzo stampa che video;




a seguito della legittima azione di informazione
svolta dal Comitato Cittadino Isola Pulita, attraverso la richiesta di accesso
agli atti e di pubblicazioni stampate e telematiche (vedasi il sito
www.isolapulita.it );




a seguito dell' ispezione disposta e condotta
dall'Assessorato Regione Sicilia Enti Locali in ordine all'iter del rilascio di
concessione edilizia alla Cooperativa Calliope Srl, finalizzata alla
realizzazione di n. 50 alloggi in verde agricolo;




a seguito dell'appello lanciato, dal Comitato
Cittadino Isola Pulita, ai Cittadini e all'Amministrazione Comunale, sulla
sensibilità volta alla vigilanza democratica su possibili infiltrazioni di tipo
affaristico-malavitoso nella Pubblica Amministrazione di Isola delle Femmine;




a seguito dei "suggerimenti” (da me
indesiderati) volti a farmi i fatti miei, in quanto "ho famiglia",
rivolte alla mia persona. Suggerimenti pervenutomi telefonicamente e per
interposte persone, oltre all'uso di linguaggi che tendevano unicamente al
discredito politico della mia persona e dell'organizzazione da me 


rappresentata, 



con la presente sono a chiedere e sollecitare, con
l'urgenza che il caso richiede,


alle Autorità in indirizzo e ciascuno per le
rispettive cariche ricoperte e , in virtù dei poteri conferitogli dalla
Costituzione, in materia di "Prevenzione e Tutela dei Cittadini"
nonché di "Libertà di Espressione e di Organizzazione" e
"Sicurezza ed Ordine Pubblico" ad attivare gli uffici dipendenti
affinchè sia tutelata la mia persona e quella della mia famiglia e,
conseguentemente, sia garantita nella Nostra Comunità la libera 
circolazione delle idee.



Resto in attesa di conoscere quanto vorranno disporre
le Autorità in indirizzo e colgo l'occasione per porgere distinti saluti.


Giuseppe Ciampolillo 


https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=1317141685038489&id=1252079134878078
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento