Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





venerdì 23 agosto 2013

Chi non paga le tasse a Isola delle Femmine? 23 agosto 2013









CHI non paga le tasse a Isola delle Femmine?

 

Una visita a Isola delle Femmine della Guardia di Finanza potrebbe iniziare da:   

 

  “…. Ulteriori criticita' che contribuiscono a definire la  situazione di precarieta'  dell'ente  locale  e  la  diffusa  illegalita'  hanno interessato il settore finanziario contabile.

    E' stata  posta  in  rilievo  la  sussistenza  di  una  rilevante evasione tributaria  nei  confronti  della  quale  l'amministrazione, negli anni, non ha posto in essere un'efficace  azione  di  contrasto ne' una decisa attivita' per il recupero dei tributi.

    Il verificarsi di tali criticita' sono anche da  ascriversi  alla cattiva gestione, con condotte di rilevanza penale, posta  in  essere dalla  societa'  alla  quale  era  stato  affidato  il  servizio   di riscossione dei ruoli di competenza comunale…”

 

 

“…..  Come emerso nel corso dell'accesso ispettivo  tale  societa'  non solo ha omesso di riversare  quanto  aveva  riscosso  ma,  nonostante l'avvenuta rescissione  del  contratto,  si  e'  anche  rifiutata  di restituire al comune la relativa documentazione.

    Le accertate anomalie in materia  di  imposizione  e  riscossione tributaria sono un segnale evidente dell'incapacita' o della mancanza di  volonta'  dell'amministrazione  eletta  di  dettare  indirizzi  e attuare adeguate strategie di vigilanza e controllo in un settore  di vitale importanza per la sana gestione dell'ente locale, settore  nel quale invece la commissione d'indagine ha accertato il sussistere  di atteggiamenti omissivi,  se  non  addirittura  compiacenti,  a  tutto vantaggio di interessi riconducibili ad ambienti controindicati.

   

 Emblematiche in tal senso  sono  le  verifiche  effettuate  dalla commissione d'indagine su un  progetto,  approvato  con  delibera  di giunta del 2010, che si proponeva di accertare e recuperare i tributi locali evasi negli ultimi cinque anni.

  In effetti la preannunciata  azione  di  recupero  non  e'  stata intrapresa. L'organo ispettivo ha infatti svolto un  accertamento  su un campione di contribuenti appartenenti a nuclei familiari legati  o riconducibili alla criminalita' organizzata e l'esito dell'analisi ha evidenziato, con riferimento a tale campione, che la  percentuale  di tributi non versata, rispetto a quanto accertato ed iscritto a ruolo, e' pari all'89%.

    L'amministrazione pertanto non solo non ha  posto  in  essere  le opportune verifiche e iniziative  per  una  corretta  gestione  delleentrate ma  con  la  propria  condotta  ha,  di  fatto,  favorito  il concretizzarsi di una situazione in cui il tasso di evasione  fiscale risulta piu' elevato con  riferimento  ai  soggetti  riconducibili  o appartenenti a famiglie mafiose.

    Tale stato di cose ha prodotto una grave  criticita'  finanziaria dell'ente  locale  ed  inoltre  il  mancato  recupero  delle  entrate tributarie ha precluso l'utilizzo di dette risorse per  iniziative  e servizi in favore della collettivita'…..”

                           

Art. 1

  Il consiglio comunale di Isola delle Femmine (Palermo)  e'  sciolto per la durata di diciotto mesi.


http://cupoladellapolitikaaisoladellefemmine.blogspot.it/2012/11/relazione-prefettizia-dellacommissione.html

 

http://nuovaisoladellefemmine.blogspot.it/2012/11/relazione-prefettizia-dellacommissione.html

Nessun commento:

Posta un commento