Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





lunedì 28 gennaio 2013

CROCETTA “Se poi dovessimo scoprire comportamenti illegali, di questo se ne occuperà la magistratura” DEPURAZIONE BONIFICHE RISANAMENTO AMBIENTALE ING DARIA TICALI SI AVVALE DIPARTIMENTO ACQUE E RIFIUTI acque-rifiuti GURS 25 01 11 Rifiuti nei cementifici "Meglio della discarica"

Regione Sicilia, corruzione all’Ambiente e Territorio: Rosario Crocetta trasferisce 90 impiegati

Scritto da Redazione Canicatti Web Notizie il 27 gennaio 2013, alle 08:12

Nuovo maxi trasferimento alla Regione siciliana. Questa volta, il provvedimento del governatore Rosario Crocetta, colpisce una novantina tra dirigenti e funzionari dell’assessorato all’Ambiente e Territorio, dove la giunta ha scoperto migliaia di pratiche e autorizzazioni bloccate da tempo con “ritardi inspiegabili”.

“I provvedimenti sono in corso – dice Crocetta – Il personale sarà a disposizione della Funzione pubblica per altri incarichi”. I dirigenti trasferiti sono sette (4 quelli che rimangono nelle loro funzioni e prenderanno ad interim i posti vacanti) una ottantina i funzionari. Il trasferimento riguarda il 30% del personale di ogni ufficio dell’assessorato Ambiente.

“C’e gente che sta in quei posti da decenni, hanno fatto le radici eppure abbiamo scoperto che ci sono 3 mila autorizzazioni Via-Vas”, afferma Crocetta. Il governatore ha motivato la decisione “per il mal funzionamento dell’amministrazione, nessuno li criminalizza, andranno a svolgere altri compiti: avevamo chiesto agli uffici l’elenco delle pratiche ferme, il metodo d’esame dei pareri ma nessuno ha risposto”.

“Se poi dovessimo scoprire comportamenti illegali, di questo se ne occuperà la magistratura”, aggiunge. Il maxi trasferimento all’Ambiente segue quello messo in atto due giorni fa all’assessorato alla formazione e che ha coinvolto 60 persone, 7 dirigenti e 53 funzionari.

Crocetta, inoltre, ha stabilito lo stop alle nomine alla Regione siciliana, negli enti e nelle società controllate, durante l’interno periodo della campagna elettorale. Il divieto scatterà da lunedì prossimo.

E dopo formazione e ambiente, i trasferimenti toccheranno ai dipendenti regionali di tutti gli altri assessorati. “La rotazione è prevista anche dalla legge sulla trasparenza – dice il presidente – e non si è mai fatta. La Regione è cambiata, non è più quella di prima. Tutti devono capirlo, chi non collabora al cambiamento deve rendersene conto. E dai sindacati che spesso hanno gridato alle inefficienza della pubblica amministrazione mi aspetto applausi”.

“Per sbloccare le pratiche all’assessorato regionale al Territorio e ambiente bisognava pagare”. Lo ha rivelato il governatore della Sicilia, Rosario Crocetta, incontrando i giornalisti, a Gela, in occasione della presentazione delle liste che sosterrà: la sua, il “Megafono”, al Senato, e quella del Pd alla Camera. “Ce ne volevano di soldi”, ha detto in dialetto Crocetta, in un posto dove “la corruzione l’ha fatta da padrona in questi anni”.

E sulle polemiche sorte dopo i provvedimenti adottati sulla rotazione di dirigenti e personale da un ufficio all’altro, ha avuto parole dure verso chi lo ha criticato, organizzazioni sindacali comprese: “Lo sanno tutti – ha detto, Crocetta – che la macchina regionale non funziona. I sindacati da che parte stanno? Dalla parte dei cittadini o vogliono rappresentare la difesa del privilegio? La rotazione rientra nelle norme sulla trasparenza e non nell’ambito della trattativa sindacale”.

“I provvedimenti che abbiamo assunto in poco più di due mesi non sono stati adottati dai miei predecessori neanche in intere legislature”. E annuncia altre misure imminenti ed eclatanti.

Quando i cronisti gli hanno chiesto se non temesse per la sua vita dopo le minacce di morte ricevute da anonimi, il presidente della Regione ha risposto dicendo che “sono loro che devono aver paura. All’interno della Regione – ha proseguito – ho trovato un sistema mafioso ben radicato. Noi andiamo avanti, non temiamo lo scontro duro con la mafia anche se ogni tanto c’é qualche ‘rascapignati’ che tira fuori qualche falso dossier”. Infine, Crocetta ha annunciato di aver sbloccato i progetti per i porti di Gela, Marsala, Augusta e Termini Imerese.

FONTE:








































SE CHIEDETE AL PNEUMOLOGO DI ISOLA DELLE FEMMINE….

 Se chiedete al Direttore della Italcementi di Isola...............

SE CHIEDETE AI FARMACISTI DI ISOLA   DELLE FEMMINE......







Rifiuti nei cementifici "Meglio della discarica" A.I.A., ANZA', BEVILACQUA, Ciampolillo, Interlandi, ISOLA PULITA, ITALCEMENTI DECRETO 693 18 LUGLIO 2008, MIGLIORI TECNOLOGIE, PETCOKE, PORTOBELLO, Sansone, TOLOMEO, Zuccarello,CIRINCIONE




Nessun commento:

Posta un commento