Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





venerdì 22 luglio 2011

Notizia bomba da Isola delle Femmine






AGGRESSIONE MAFIOSA AL


PROFESSORE PORTOBELLO

NOTIZIA BOMBA

GLI ASSESSORI SI COSTITUISCONO PARTE CIVILE

CONTRO DI CHI?????????

SIGNORI ASSESSORI il momento in cui avete deciso di costituirVi parti Civili forse non vi siete resi conto di esserVi costituiti, proprio contro quelle persone (associazione) che hanno fatto le Vostre fortune politiche nelle ultime elezioni amministrative. Persone (associazione) che  con sufficienti risorse umane e con le risorse economiche messe a loro disposizione, sono stati protagonisti nell’ultima tornata elettorale per le elezioni amministrative.



SIGNORI ASSESSORI forse non siete sufficientemente informati che Vi siete costituiti parti civili proprio contro quelle persone (associazione), dimostratesi una vera e propria “macchina da guerra” di supporto al Vostro “listone”. Quelle persone (associazione) che accusavano il Professore e il gruppo politico che avevano sostenuto, di non aver rispettato il “contratto” stipulato nella campagna elettorale amministrativa, “oltre ai 10.000 euro che sono finiti siamo ancora qui che aspettiamo il lavoro” urlavano, sotto la casa municipale, i supporter del comitato Elettorale. Dicevamo, uno spettacolo deprimente per la democrazia si stava consumando quella mattina di ottobre del 2009 erano passati pochi mesi dalle elezioni.

Il professore quella mattina fu costretto a chiedere l’intervento dei carabinieri per evitare l’ira di una parte dell’ex Comitato Elettorale. Su questo episodio vi sono state denunce e contro denunce da parte dei protagonisti della illegalità istituzionale.

Dopo qualche mese i mezzi di informazioni della carta stampata riportano le dichiarazioni rese ai magistrati dai pentiti di mafia sugli episodi dei voti di scambio a Isola delle Femmine. D’altronde già il Professore per PRIMO aveva avuto il coraggio di denunciare in una seduta del Consiglio Comunale l’intervento della mafia durante le elezioni amministrative.



SIGNORI ASSESSORI di sicuro siete a conoscenza che le persone (associazione) contro cui Vi siete costituiti parti civili, sono le medesime persone (associazione, comitato elettorale supporter…) a cui avete affidato servizi di protezione civile e di vigilanza in occasione di manifestazioni civili religiose e sagre paesane. Sono le medesime persone a cui avete affidato il servizio di pulizia del parco giochi nell’estate del 2009. Sono le medesime persone con cui avete ridipinto le aule della scuola elementare di Isola delle Femmine. Sono quelle stesse persone SIGNORI ASSESSORI a cui avete dato assistenza e supporto anche con servizio di fotocopiatura (del Comune) al fine di redigere statuto e regolamento della loro associazione, proprio quella che avrebbe dovuto, secondo una Vostra “pianificazione”, partecipare al bando di gara per l’affidamento del parco giochi….



E non solo questo……………..



A nostro avviso gli unici deputati a costituirsi PARTI CIVILI per l’aggressione mafiosa contro il PROFESSORE, siamo NOI Cittadini di Isola delle Femmine, un NOSTRO rappresentate è stato colpito dalla mano mafiosa. Un rappresentante delle Istituzioni, di cui NOI pensavano di essere stati determinanti per la sua elezione.

Affidamento Spiagge, Aggressione mafiosa  PROFESSORE, Associazione Protezione Civile, ISOLA DELLE FEMMINE.LEONCINO, Operai ATOPA1, Parco Giochi, Squadrista ROSSO, T.S., VOTO DI SCAMBIO

Nessun commento:

Posta un commento