Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





venerdì 15 ottobre 2010

RIFIUTI - IN SICILIA SI CAMBIA?

 RIFIUTI - IN SICILIA SI CAMBIA?



Gli imprenditori siciliani si schierano contro gli inceneritori e fanno il tifo per la raccolta differenziata spinta.



Confindustria Sicilia ha espresso in un documento una proposta per la gestione dei rifiuti urbani che si incentra su due punti
  • Impegnarsi nel compostaggio della frazione umida e nel recupero dei materiali, provenienti da raccolta differenziata.
  • Selezionare la frazione residua al fine di produrre un CDR di qualità da poter utilizzare in impianti termici già presenti nell’isola (cementifici, ecc.)


Questo documento è stato anche consegnato al Governo Regionale, ancora impegnato in questi giorni nella elaborazione del Piano Rifiuti e pressato dal Governo Nazionale affinché preveda anche l’uso di “termovalorizzatori”
Questa proposta, che non coincide totalmente con la nostra posizione, ha alcuni vantaggi significativi e determinanti rispetto alle posizioni sostenute finora in Sicilia sia dal precedente Governatore sia dall’attuale, che non ha mai escluso l’uso di inceneritori dedicati ai rifiuti.
·        Essa esclude l’uso di inceneritori dedicati, che devono essere alimentati in continuità e per circa trenta anni.
·        Il coincenerimento è una opzione che può essere ritirata in qualsiasi momento, è flessibile e può adeguarsi alla offerta del momento.
·        E’ un messaggio forte in direzione di una effettiva mobilitazione verso la raccolta differenziata spinta.

Noi speriamo che, dopo anni di contrapposizioni e immobilismo, finalmente la Sicilia si metta in cammino verso un futuro più virtuoso e che anche da noi si prendano decisioni concrete per avere una regione senza rifiuti. Rifiuti Zero è una strategia che nel mondo è stata adottata da alcune comunità e che si dimostra vincente: meno costi per i cittadini, più igiene in città, più lavoro per le comunità locali, più rispetto per l’ambiente.

Qui di seguito il Comunicato Stampa che Legambiente WWF Rete Rifiuti Zero hanno emesso sull’argomento.
COMUNICATO STAMPA


Legambiente, WWF e Rete Rifiuti Zero Sicilia esprimono apprezzamento per il documento di Confindustria Sicilia con cui boccia la realizzazione degli inceneritori nell’isola.

Prendiamo atto dei contenuti dell’incontro che si è svolto questa mattina fra Confindustria Sicilia ed il Governo regionale, che rappresentano un grande passo avanti verso una gestione sostenibile dei rifiuti in Sicilia. Gli industriali hanno presentato un documento con cui si fa inequivocabilmente giustizia delle argomentazioni strumentali con le quali il Governo nazionale sta provando ad imporre gli inceneritori in Sicilia, così come ha già fatto in Campania. Anche Confindustria, con il suo documento, chiarisce che la realizzazione degli inceneritori non rappresenta la soluzione più efficace per la gestione dei rifiuti che deve essere centrata sulla raccolta differenziata che deve cogliere l’obiettivo del 65 per cento previsto dalla normativa nazionale regionale. Il coincenerimento, proposto da Confindustria, in impianti già esistenti (cementerie, centrali elettriche, ecc.) finalizzato alla valorizzazione energetica esclusivamente della parte residuale della differenziata, può essere considerato, solamente in via transitoria, come primo passaggio di un percorso verso la strategia rifiuti zero. Nell’immediato, comunque, per quanto riguarda gli inceneritori, non possiamo che sottolineare l’utilità della proposta di Confindustria, che vede oggi sostanzialmente sulle stesse posizioni il Governo regionale, gli ambientalisti e gli industriali, e che rafforza ulteriormente l’idea che sta prevalendo all’interno della Commissione che sta redigendo il piano regionale dei rifiuti, fermo restando che la nostra posizione prevede per il trattamento della frazione residuale, impianti di trattamento meccanico biologico per un ulteriore recupero “a freddo” di materie da riciclare.
14 ottobre 2010
L’ufficio stampa

ufficiostampa@legambientesicilia.com
rifiutizerosicilia@gmail.com
sicilia@wwf.it
15/10/2010

Confindustria Sicilia ha espresso in un documento una proposta per la gestione dei rifiuti urbani che si incentra su due punti
  • Impegnarsi nel compostaggio della frazione umida e nel recupero dei materiali, provenienti da raccolta differenziata.
  • Selezionare la frazione residua al fine di produrre un CDR di qualità da poter utilizzare in impianti termici già presenti nell’isola (cementifici, ecc.)


Questo documento è stato anche consegnato al Governo Regionale, ancora impegnato in questi giorni nella elaborazione del Piano Rifiuti e pressato dal Governo Nazionale affinché preveda anche l’uso di “termovalorizzatori”
Questa proposta, che non coincide totalmente con la nostra posizione, ha alcuni vantaggi significativi e determinanti rispetto alle posizioni sostenute finora in Sicilia sia dal precedente Governatore sia dall’attuale, che non ha mai escluso l’uso di inceneritori dedicati ai rifiuti.
·        Essa esclude l’uso di inceneritori dedicati, che devono essere alimentati in continuità e per circa trenta anni.
·        Il coincenerimento è una opzione che può essere ritirata in qualsiasi momento, è flessibile e può adeguarsi alla offerta del momento.
·        E’ un messaggio forte in direzione di una effettiva mobilitazione verso la raccolta differenziata spinta.

Noi speriamo che, dopo anni di contrapposizioni e immobilismo, finalmente la Sicilia si metta in cammino verso un futuro più virtuoso e che anche da noi si prendano decisioni concrete per avere una regione senza rifiuti. Rifiuti Zero è una strategia che nel mondo è stata adottata da alcune comunità e che si dimostra vincente: meno costi per i cittadini, più igiene in città, più lavoro per le comunità locali, più rispetto per l’ambiente.

Qui di seguito il Comunicato Stampa che Legambiente WWF Rete Rifiuti Zero hanno emesso sull’argomento.
COMUNICATO STAMPA


Legambiente, WWF e Rete Rifiuti Zero Sicilia esprimono apprezzamento per il documento di Confindustria Sicilia con cui boccia la realizzazione degli inceneritori nell’isola.

Prendiamo atto dei contenuti dell’incontro che si è svolto questa mattina fra Confindustria Sicilia ed il Governo regionale, che rappresentano un grande passo avanti verso una gestione sostenibile dei rifiuti in Sicilia. Gli industriali hanno presentato un documento con cui si fa inequivocabilmente giustizia delle argomentazioni strumentali con le quali il Governo nazionale sta provando ad imporre gli inceneritori in Sicilia, così come ha già fatto in Campania. Anche Confindustria, con il suo documento, chiarisce che la realizzazione degli inceneritori non rappresenta la soluzione più efficace per la gestione dei rifiuti che deve essere centrata sulla raccolta differenziata che deve cogliere l’obiettivo del 65 per cento previsto dalla normativa nazionale regionale. Il coincenerimento, proposto da Confindustria, in impianti già esistenti (cementerie, centrali elettriche, ecc.) finalizzato alla valorizzazione energetica esclusivamente della parte residuale della differenziata, può essere considerato, solamente in via transitoria, come primo passaggio di un percorso verso la strategia rifiuti zero. Nell’immediato, comunque, per quanto riguarda gli inceneritori, non possiamo che sottolineare l’utilità della proposta di Confindustria, che vede oggi sostanzialmente sulle stesse posizioni il Governo regionale, gli ambientalisti e gli industriali, e che rafforza ulteriormente l’idea che sta prevalendo all’interno della Commissione che sta redigendo il piano regionale dei rifiuti, fermo restando che la nostra posizione prevede per il trattamento della frazione residuale, impianti di trattamento meccanico biologico per un ulteriore recupero “a freddo” di materie da riciclare.
14 ottobre 2010
L’ufficio stampa

ufficiostampa@legambientesicilia.com
rifiutizerosicilia@gmail.com
sicilia@wwf.it
15/10/2010


Due ispettori dell'assessorato Territorio Ambiente Regione Sicilia, in mattinata hanno fatto VISITA all'Ufficio Tecnico Comunale di Isola delle Femmine






*RIFIUTI - IN SICILIA SI CAMBIA?
*ANNO ZERO si farà
*L'isola Ecologica a Isola? Un vero affare! Creare l'emergenza
*Ci Chiami "Zoccole"
*Ciao Sarah e un Ciao alle tante altre.............
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione
*A quando la differenziata? Bugiardoni! Bugiardoni! Bugiardoni! Incapaci! Incapaci.......
*Rifiuti, la Regione taglia fondi a 159 sindaci
*Le mani della Mafia sui rifiuti Siciliani
*Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia
*I Guai giudiziari di Emma Mercegaglia
*L’altro stipendio di Maroni
*Caso Belpietro. «L’agguato, gli spari, la fuga
*Convocazione Consiglio Comunale 7 ottobre Interrogazioni e Riequilibri Bilanci
*Interrogazione al Sindaco DIONISI geom Vincenzo: Conflitto di Interessi Privacy e U.T.C.
*Interrogazione al Sindaco Autolavaggio CAR WASH D.M.
*ORDINANZA DELL'UTC: Ripristino dello stato dei luoghi a carico di: Lo Bello Silvana e Rallo Alessandro
*Sindaco-Pescatore, dimmi dimmi mio Signor, dimmi che tornerà
*Rifiuti:occhio alla spazzatura, parte differenziata doc
*La ricchezza o la povertà la misuri dai rifiuti prodotti
*Rapporto sulle tecniche di trattamento dei rifiuti
*RACCOLTA DIFFERENZIATA E RICICLO
*Ordinanza Sindacale affidamento Raccolta Rifiuti ditta AL.TA. s.r.l. Zuccarello SICAR
*Comunicato ENAV su Installazione Antenna a Isola delle Femmine
*ISOLA DELLE FEMMINE: Non ci resta che piangere
*ANTENNA RADAR DICHIARAZIONE DEL GRUPPO “RINASCITA ISOLANA”
*IL Comitato NO radar a Isola delle Femmine chiede la convocazione URGENTE del CC
*EX Caserma NATO di Isola delle Femmine in vendita?
*EX Caserma NATO il COMUNE che fà?
*Isola delle Femmine Radr meteo o acquario marino?   
*ISOLA DELLE FEMMINE TRA STORIA E TRADIZIONE
*Federalismo fiscale
*I Beni Comuni nello spezzatino del Federalismo  
*SERIT SICILIA S.P.A. profili di illegittimità nella riscossione dei tributi
*COMUNI FISCO PARTECIPAZIONE ACCERTAMENTI RISORSE ECONOMICHE
*Con due cuori dentro È nata la bimba della donna in coma
*“In questa terra c’è bisogno di coraggio”  Manifestazione Reggio Calabria 25 sett. 2010
*Italcementi Decreto 693 18 luglio 2008 Autorizzazione Integrata Ambientale
*BENVENUTI IN PARADISO 24 SETTEMBRE 2010 "La passeggiata"
*NO ALL'ANTENNA KILLER A ISOLA DELLE FEMMINE Sicurezza Prevenzione Precauzione
*NO ALL'ANTENNA A ISOLA Incidente Aereo all'aeroporto Falcone/Borsellino
*Onorevole Signor Presidente della Repubblica
*Condannato per diffamazione il dirigente regionale Salvatore Anzà
*La patacca dei Caraibi: ora chi risponde?
*BENVENUTI IN PARADISO oggi domani ieri e……
*Formato il quarto governo LOMBARDO in Sicilia
*SENTENZA Malibu Beach s.n.c. nel RICORSO al TAR contro il Comune di Isola delle Femmine
*ASSOLTO ALBERT GIOVANNI DAL COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE
*Aiello Rubino Romeo Via Falcone Via Sciascia Viale Italia Via Kennedy Via Sciascia Via Libertà
*Il Cimitero di Isola delle Femmine
*Portobello: “mi metterò di traverso non farò costruire sull’area del comparto 1…”
*Rifiutiamo i Rifiuti dell'amministrazione

*Rifiuti Regione Comuni Raccolta differenziata Circ 16/09

Nessun commento:

Posta un commento