Per dire NO all’uso del (combustibile derivato dai rifiuti) come combustibile nei cementifici basterebbe considerare che la legislazione USA obbliga i cementieri a indicare sul contenitore se il , in esso contenuto, deriva o no dallo smaltimento di rifiuti.


Infatti, il ottenuto con il co-incenerimento di e combustibile fossile, diventa pericoloso per la salute a causa dei rilasci dei manufatti con esso realizzati (vedasi il caso del cromo esavalente nel sangue dei lavoratori del tunnel della Manica).





Inoltre, i cementifici hanno limiti di concentrazioni di inquinanti, autorizzati allo scarico in atmosfera, superiori rispetto agli inceneritori pur avendo un flusso di emissioni maggiore.




Alle associazioni , , Isola Pulita, Rifiuti Zero Palermo e basta  quanto sopra per dichiararsi assolutamente contrarie a ogni forma di co-incenerimento, anche temporaneo.




Al posto della combustione del si propongono i trattamenti a freddo, come TMB o la produzione di sabbia sintetica tipo Vedelago, realizzando così, senza inquinare e senza effetto serra, recupero di materia o non di energia.




Dietro l’angolo ci sono i cementieri di Isola delle Femmine, Porto Empedocle, Ragusa, Catania e di Priolo, che aspettano l’autorizzazione del co-incenerimento del : questo non lo permetteremo e ci opporremo con ogni mezzo democratico contro il tentativo di bruciare nei cementifici.


Caricato da isolapulita. - I nuovi video di oggi.

Altro elemento di distorsione nel funzionamento delle società d'ambito concerne la frequente e pressoché sistematica elusione delle regole di evidenza pubblica nella scelta delle imprese cui affidare i lavori, imprese spesso prive dei necessari requisiti di professionalità, caratterizzate da assunzioni clientelari, che in molti casi, come accertato dalla Commissione, hanno riguardato individui con pregiudizi penali, o legati da rapporti di parentela con soggetti pregiudicati.Le criticità di ordine economico finanziario degli ATO hanno quindi avuto ricadute gravissime nella gestione del ciclo dei rifiuti nella regione siciliana, contribuendo a determinare situazioni di altrettanto grave pregiudizio per la salubrità dell'ambiente e, quindi, la salute dei cittadini.
Relazione Commissione Parlamentare sui Rifiuti in Sicilia 6/10/10





sabato 9 ottobre 2010

Ordinanza Sindacale affidamento Raccolta Rifiuti ditta AL.TA. s.r.l. Zuccarello SICAR

Ricordiamo tutti l'isola ecologica di Isola delle Femmine? Ricordiamo per caso il costo dell'opera? Ricordiamo quando è stata collaudata? Ricordiamo quante volte è stata utilizzata l'opera? Ricordiamo chi era l'assessore all'ambiente allora? Ricordiamo chi era il responsabile ambiente allora? Ricordiamo chi era l'azienda che raccoglieva e smaltiva i rifiuti allora?
Tra tutti quelli che invieranno più risposte esatte saranno estratti 3 viaggi premi destinazione Paradiso!

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE

Provincia di Palermo

ORDINANZA N. 21 DEL 5 MARZO 2010

IL SINDACO

Premesso:
Che questo Comune fa parte del A.T.O. PA1, che gestisce per mezzo della Società Servizi Comunali Integrati R.S.U. S.p.A., la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti;
Che, per motivi gestionali interni alla predetta società, la stessa, così come accertato da quest’ufficio tecnico comunale e ripetutamente segnalato, non provvede da diversi giorni alla raccolta e smaltimento dei rifiuti solidi urbani di questo Comune, né per la parte del servizio effettuata “porta a porta” all’interno del centro abitato, nè allo svuotamento dei contenitori posti nelle aree esterne all’abitato;
Che dalla mancata raccolta consegue che l’intero centro abitato risulta invaso dai sacchetti di spazzatura depositati sui marciapiedi, luogo di regolare deposito, nonché, nelle aree extraurbane, accumulati all’interno dei contenitori ed in ampi spazi esterni agli stessi;
Che la situazione sopra descritta sta ingenerando notevoli rischi per la salute pubblica e per l’ambiente a seguito dell’emissioni di miasmi derivanti dalla decomposizione dei rifiuti organici, nonché intralcio al traffico veicolare causato dallo spargimento degli stessi nelle sedi stradali;
Che ripetutamente si è proceduto a sollecitare la società Servizi Comunali Integrati R.S.U. affinché la stessa desse immediata risoluzione alla situazione di emergenza creatasi;
Che di detta situazione di emergenza e dei conseguenti rischi per la salute pubblica ed ambientale è stata più volte informata la Prefettura di Palermo nonché l’Azienda Sanitaria Provinciale Palermo 6;
Che, con prot. n.2824 in data odierna, acquisita a questo pro.gen.le in pari data al n.3469, la Servizi Comunali Integrati S.p.a. ha comunicato di non disporre di risorse finanziarie, automezzi idonei e personale in grado di assicurare il servizio “che è allo stato fermo”;
Che dalla predetta nota si evince che la situazione di emergenza conseguente alla mancata raccolta dei rifiuti, è destinata a protrarsi, per cui quest’Amministrazione deve farsi carico di predisporre in proprio idonei ed urgenti interventi tesi a fronteggiare l’emergenza ed a salvaguardare e tutelare la salute pubblica e l’ambiente;
Che, a tal uopo, è necessario procedere ad affidare il servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti a ditte operanti nel settore, nonché disporre il conferimento di detti rifiuti nella discarica di contrada Provengano-Baronia nel Comune di Partinico;
Che ogni onere conseguente agli affidamenti di che trattasi verrà corrisposto direttamente da questo Comune alle Ditte affidatarie e all’Ente gestore della discarica di contrada Provengano-Baronia nel Comune di Partinico, con rivalsa sugli importi da corrispondere alla Società Servizi Comunali Integrati S.p.A.;
Rilevato che l’U.T.C., a seguito di appositi contatti ha individuato quali ditte disponibili a provvedere con decorrenza immediata alla raccolta e smaltimento dei RR.SS.UU., le ditte Cucchiara s.r.l. con sede in Borgetto, ditta Rubbino s.n.c. con sede in Terrasini e ditta AL.TA. servizi s.r.l. con sede in Borgetto, giusto preventivo del 05/03/2010 ricevuto per fax alle ore 14.08, acquisito al prot. n. 3483 nella stessa data, dietro corresponsione di un compenso giornaliero di € 650 oltre IVA al 10% comprendente servizio di raccolta, trasporto e conferimento in discarica di contrada Provengano-Baronia sita nel comune di Partinico (esclusi oneri di conferimento), occorrenti per dare corso alla raccolta dei rifiuti mediante svuotamento dei contenitori;
Ritenuto che, per quanto sopra esposto, ricorrono i presupposti per l’adozione di un provvedimento contingibile ed urgente teso a prevenire pericoli per l’incolumità pubblica derivanti dall’attuale emergenza rifiuti;
Visti gli artt.32 della L.n.833/78, 40 della L.R. n.30/93 e 4 del Decreto
dell’Assessorato Regionale alla Sanità del 18.11.1994, che individuano nel Sindaco
l’Organo competente all’emanazione di ordinanze di carattere contingibile ed urgente in
materia di igiene e sanità pubblica,
Visto l’O.A.EE.LL. vigente nella Regione Siciliana;
Visto l’art.191 del D.L.vo 152/2006;

ORDINA

Nel permanere dell’emergenza rifiuti come sopra descritta di:
1. Intervenire nell’attività di raccolta e smaltimento dei RR.SS.UU., sostituendosi alla Società Servizi Comunali Integrati S.p.A., gestore del servizio nell’ambito dell’ATO PA1, per il periodo di inadempienza contrattuale della predetta Società, mediante affidamento del servizio di che trattasi da eseguirsi con le modalità attualmente in essere e di cui meglio in premessa.
2. Affidare alle imprese Cucchiara s.r.l. con sede in Borgetto, Rubbino s.n.c. con sede in Terrasini e AL.TA. servizi s.r.l. con sede in Borgetto iI servizio di raccolta dei RR.SS.UU. che verrà espletato con i mezzi ed il personale ritenuti necessari, dietro corresponsione di un compenso giornaliero di € 650 oltre IVA per ogni unità di raccolta.
3. Conferire i rifiuti raccolti dalle Imprese sopra indicate presso la discarica di contrada
Provengano-Baronia sita nel comune di Partinico, impegnandosi a sostenere direttamente ed immediatamente i costi di smaltimento così come fissati in via generale.
4. Dare atto che il servizio come sopra affidato dovrà cessare il giorno successivo a quello in cui la Servizi Comunali Integrati S.p.A. avrà dato comunicazione della propria disponibilità a riprendere il servizio. Ad ogni buon conto viene fissata quale durata massima del presente affidamento un periodo di giorni 15.
5. Disporre che il responsabile del settore tecnico provveda ad assumere adeguato impegno di spesa necessario per il pagamento del costo del servizio di raccolta per le ditte Cucchiara s.r.l. con sede in Borgetto, ditta Rubbino s.n.c. con sede in Terrasini e ditta AL.TA. servizi s.r.l. con sede in Borgetto e di conferimento alla discarica di Partinico contrada Provengano-Baronia.
6. Disporre, altresì, che detto importo sia imputato al capitolo del corrente Bilancio di previsione in atto previsto per il pagamento del servizio alla Servizi Comunali Integrati S.p.A., stante che alla stessa non verranno corrisposti i compensi riferiti ai giorni di mancato servizio. Parimenti verranno addebitati alla società Servizi comunali Integrati eventuali maggiori costi che dovessero derivare dal presente affidamento.
7. Trasmettere la presente Ordinanza, ciascuno per la propria competenza: o Alle ditte Cucchiara s.r.l. con sede in Borgetto, ditta Rubbino s.n.c. con sede in Terrasini e ditta AL.TA. servizi s.r.l. con sede in Borgetto;
o Ente Gestore della discarica di Partinico
o Alla Società Servizi Comunali Integrati S.p.A.
o Al Responsabile del Settore Tecnico
o Al Comandante della P.M.
e, per conoscenza:
Al sig. Prefetto di Palermo, alla Compagnia Carabinieri di Carini, per il tramite del Comandante della locale Stazione, all’Azienda Sanitaria Provinciale 6 di Palermo – Dipartimento di prevenzione medico, al Presidente della Regione, all’Assessorato Regionale dell’Energia e dei servizi di pubblica utilità –
Dipartimento Regionale dell’acqua e dei rifiuti
IL SINDACO
Prof. Gaspare Portobello
DITTA AL.TA. servizi s.r.l. con sede in Borgetto, Albano e Taormina Zuccarello

*Zuccarello
*
Zuccarello Portobello Sicar discarica rifiuti?
*
Zuccarello Portobello Rifiuti Rifiutamoci Raccolta differenziata

Gestione integrata dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati
I T E R
Attuale
09 mar 2010 Esaminato in Aula Seduta n. 150 AULA
Storico
17 feb 2010 Annunziato Seduta n. 142 AULA
17 feb 2010 Assegnato per esame Commissione QUARTA
18 feb 2010 Annunzio assegnazione Seduta n. 143 AULA
18 feb 2010 Esaminato in commissione Seduta n. 92 0400 Commissione QUARTA
18 feb 2010 Esaminato in commissione Seduta n. 93 0400 Commissione QUARTA
18 feb 2010 Abbinamento con ddl 528; - VEDI ddl 525 Seduta n. 93 0400 Commissione QUARTA
18 feb 2010 Licenziato per Commissione Bilancio (epb) Seduta n. 93 0400 Commissione
QUARTA
18 feb 2010 Richiesto parere Comitato qualità legislazione Seduta n. 93 0400 Commissione
QUARTA
18 feb 2010 Inviato Commissione Bilancio
23 feb 2010 Rinviato Commissione QUARTA Seduta n. 144 AULA (VEDI NOTA)
24 feb 2010 Esaminato in commissione Seduta n. 94 0400 Commissione QUARTA
25 feb 2010 Esaminato in commissione Seduta n. 95 0400 Commissione QUARTA
25 feb 2010 Esitato per Aula (epa) Seduta n. 95 0400 Commissione QUARTA
04 mar 2010 Esaminato in Aula Seduta n. 149 AULA
09 mar 2010 Parere espresso Comitato qualità legislazione Seduta n. 41 1600 Comitato
per la qualità della legislazione
R E L A T O R E
Mancuso Fabio Maria (PDL).
F I R M A T A R I
Lombardo Raffaele (MPA). Presidente Regione
Russo Carmelo Pietro Assessore Energia e Serviz
L'Assemblea Regionale Siciliana ha approvato il piano casa
Il piano casa è stato approvato in via definitiva dall'Assemblea regionale siciliana, nella seduta pomeridiana di martedì 9 marzo 2010, con 54 voti favorevoli, 9 contrari e 12 astenuti.
Il voto conclusivo si è avuto alla fine di un ampio dibattito nel corso del quale sono intervenuti 20 parlamentari di tutti i gruppi e ai quali ha replicato, a nome del governo regionale, l'assessore alle infrastrutture e mobilità Luigi Gentile.
Alla presidenza di Sala d'Ercole si sono avvicendati il presidente Francesco Cascio e i vicepresidenti Santi Formica e Camillo Oddo.
Il seguito dell'esame d'Aula del disegno di legge sulla gestione integrata dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati è stato rinviato, così come aveva proposto il presidente Cascio, a mercoledì 10 marzo per consentire al
Continua su...
Aula Assemblea Regionale Siciliana 10 marzo 2010
PRESIDENTE.: Onorevoli colleghi, in considerazione del protrarsi dei lavori di approfondimento in IV
Commissione sul disegno di legge numeri 525-528/A «Gestione integrata dei rifiuti e bonifica dei
siti inquinati», sospendo la seduta, avvertendo che riprenderà alle ore 18.00.
(La seduta sospesa alle ore 16.30, è ripresa alle ore 18.29)
PRESIDENTE: Onorevoli colleghi, a questo punto, dovremmo passare al seguito della discussione del disegno di legge nn. 525-528/A “Gestione integrata dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati”, posto al numero 2).
Informo che è necessario un rinvio per consentire agli uffici di predisporre il fascicolo degli
emendamenti, a seguito del lavoro svolto oggi dalla IV Commissione.
PRESIDENTE. Onorevoli colleghi, la seduta è rinviata a domani, giovedì 11 marzo 2010, alle ore
16.00, con il seguente ordine del giorno:
I - Comunicazioni
II - Discussione dei disegni di legge:
1) - “Gestione integrata dei rifiuti e bonifica dei siti inquinati” (525-528/A) (Seguito)
2) - “Bilancio di previsione della Regione siciliana per l'anno finanziario 2010 e bilancio
pluriennale per il triennio 2010/2012” (470-470 bis)
3) - “Disposizioni programmatiche e correttive per l'anno 2010” (471-471 bis).
La seduta è tolta alle ore 19.07

A.T.O. PA1 A.P.S.
border=
Nel tempo abbiamo parlato di: Raccolta Rifiuti, ambiente, Italcementi, Aria irrespirabile, Privatizzazione dei Servizi, Gestione Acque e Qualità delle nostre acque, Inquinamento delle falde acquifere Raffo Rosso, Siti di Importanza della Comunità Europea SIC, Autorizzazione Integrata Ambientale, Piano Regolatore Generale, Cementificazione della fascia costiera, Alga Rossa,Tariffe, Parentopoli, Voto di Scambio, Rappresentanza negli Ambiti territoriali, Raccolta differenziata, Amministratori ciechi, La vita in diretta, Isola Pulita, Isola ecologica, SICAR, Incendio alla SICAR, Assessori all'ambiente Portobello, Wind Shear, Inquinamento da cromo esavalente, Tumori, Malattie collegate all'ambiente, leggi, disposizioni, querele, ricorsi, denunce, esposti..............

Promemoria per il “Sindaco” Professore Gaspare Portobello

Il giorno 20 del mese di novembre dell’anno 2007, presso il Palazzo dei Carmelitani di Partinico, Lei Signor “Sindaco” professore Gaspare Portobello partecipa all’assemblea straordinaria della “Servizi Comunali Integrati R.S.U. S.p.a.”, la Sua partecipazione in quanto facente parte del CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE titolare di una quota pari al 4,726 (quattro virgola settecentoventisei per cento) del CAPITALE SOCIALE. Signor “Sindaco” Lei a partire da quella data risulta essere AZIONISTA (comproprietario) dell’azienda in questione. Naturalmente in qualità di “Sindaco” legale rappresentante del “Comune di Isola delle Femmine” Piazza Duca degli Abruzzi (così come risulta a pagina 8 dell’atto che LEI ha firmato). Quindi faccia un attimo più di attenzione quando addossa la responsabilità del disservizio all'A.T.O. (per favore non si dia la zappa sui piedi)
L’attività della Servizi Comunali Integrati RSU SPA
Le principali attività svolte dalla Servizi Comunali Integrati RSU SPA nel campo dell’igiene ambientale sono le seguenti:
• raccolta rifiuti urbani indifferenziati;
• raccolta differenziata frazioni riciclabili;
• raccolta differenziata rifiuti urbani pericolosi;
• spazzamento stradale;
• svuotamento cestini stradali;
• lavaggio e disinfezione cassonetti;
• raccolta materiali ingombranti;
• gestione isola ecologica;
• attività complementari all’igiene urbana a pagamento ai sensi dell’art. 6 della carta dei servizi e cioè:
- abbandoni incontrollati e discariche abusive;
- derattizzazione e disinfestazione;
- pulizia caditoie;
- pulizia delle spiagge;
- scerbamento e sterramento;
- manutenzione del verde pubblico e altri servizi ambientali;
- ampliamento dei servizi esistenti e servizi occasionali (manifestazioni culturali, feste, sagre, pulizia mercatini, fiere autorizzate);
- turni domenicali;
………..

Viene in ogni caso garantito, nell’arco delle 24 ore successive, lo svuotamento dei cassonetti tralasciati.

Carta dei servizi
*Palermo sequestrati alla mafia beni per oltre 2 milioni di euro
*
L’eredità di Ciancimino (di Michele Costa, figlio del procuratore Gaetano)
*
Massimo Ciancimino risponde all’avvocato Michele Costa
*
Massimo Ciancimino a BlogSicilia: "Non si può scegliere dove nascere ma come vivere sì":
*
Processo Mori, Massimo Ciancimino deporrà a gennaio
*
Palermo, carabinieri sequestrano beni per 15 milioni di euro
*
Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori
*
Che furbetto quel Brunetta
*
La cassazione dà una mano alla libertà di stampa
*Iran L'Onda verde che non si arresta
*
Il 4 Novembre della Malasanità
*
STEFANO E LA FINE DELLA PIETÀ
*
“Il detenuto non si massacra davanti a tutti” (Audio dal carcere) ASCOLTA L'AUDIO
*
Epidemia misteriosa in Ucraina già 30 morti e in Italia? Tutto tace
*
COMMISSIONE edilizia potere politico e potere amministrativo
*
Turismo: pronte le direttive per alberghi e nautica da diporto
*
Il Tar del Lazio sconfessa la Prestigiacomo"Quelle nuove nomine sono illegittime"
*
Morta Alda Merini
*
Centri Commerciali Naturali decreto Proroga al 30.11.09
*
Centri Commerciali Naturali rinvio a novembre
*
Rifiuti Smaltimento "processo pirolisi"
*
D'Alema ringrazia Palazzo Chigi per il sostegno in Europa
*
L'Omicidio Di Napoli e L'indifferenza di.............
*
«Il video con Marrazzo dura 13 minuti Ci sono volti e voci che non vanno visti»
*
Mills, il paese di Alice senza meraviglia
*
Mills: in appello condanna confermata
*
Mills,corte d'Appello conferma condanna, "corrotto da Berlusconi"
*
Lodo Mondadori/ Fininvest: sospesa esecutività sentenza
*
DECRETO Assessoriale Isola delle Femmine Euro 7.945,42

*PESCA bando di gara decreto assessoriale
*Wind Shear: come è andata a finire? Report
*
Amantea, migliaia in piazza"Via i veleni dalla Calabria"
*Calabria al veleno - Un’area radioattiva
*AMANTEA grande manifestazione per la vita (le foto)
*Sesso e politica, cinque domande sul caso Marrazzo. Un enigma da sciogliere, il ricatto senza mercede
*"Sono mie debolezze private". Marrazzo cede e si autosospende. Pd soddisfatto
*Metti che… voglio fare l’estortore, occhio alla professionalità
*Palermo come Kabul: è ufficiale. Alle comunali qualcuno ha imbrogliato …
*Wind Shear Ricorso al TAR del Comune di Isola delle Femmine
*Alghe Gestione Rifiuti Bilancio
* Bilancio Scioglimento Catenanuova
* Brogli alle Comunali, quattro condanne
*PALERMO, DURE CONDANNE: 4 ANNI E MEZZO PER I BROGLI ALLE AMMINISTRATIVE DEL 2007
*CASSAZIONE PENALE, SENTENZA N.28553/2009. Il mobbing del Direttore Generale giustifica anche le misure cauatelari.
*Relazione Commissione Parlamentare Antimafia 1985


*Circolare n.396 A2 del 9 maggio 2006 (art. 17 della legge regionale 28 12 2004 n. 11 e comma 17 dell'art. 21 della legge regionale 22 dicembre 2005, n. 19.)

*Circolare n.397 del 9 maggio 2006 (rilevazione con certificazione dei dati sui costi del servizio della gestione dei rifiuti svolto negli anni 2002, 2003, 2004 e 2005 in Sicilia e relativa copertura della tassa/tariffa.)

*Circolare n.399 A2 del 10 maggio 2006 (Attivazione del fondo di rotazione di cui alla L.R. n. 19/2005.)

*Circolare n.494 A2 del 15 maggio 2006 (Servizio di gestione integrata dei rifiuti urbani - nuova disciplina introdotta dal D.Lgs 152/2006.)

*Circolare n.822 del 25 maggio 2006 (Mancato raggiungimento degli obiettivi di raccolta differenziata di cui all'art. 205 del d. lgs. 3 aprile 2006, n. 152 - adeguamento dei piani d'ambito al d. lgs. n. 152/2006.)

*Circolare n.823 del 25 maggio 2006 (Circolari Agenzia nn. 396 e 397 del 09.05.2006, n. 399 del 10.05.2006, n. 494 del 15.05.2006 e n. 822 del 25.05.2006 - circolare Commissario delegato per l'emergenza rifiuti n. 7984 del 3.4.2006 - comunicazioni.)


*N. 1148 A2 dell'11 gennaio 2006 (Legge regionale 22 dicembre 2005, n. 19 – art. 21 comma 17 – fondo di rotazione a garanzia della spesa inerente la gestione integrata dei rifiuti e copertura della stessa)



Domande che non hanno trovato risposte se non da parte del Commissario della SICAR con una richiesta di risarcimento economico (in corso sono in atto atti ingiuntivi che fanno seguito ad accordo di transazione mai rispettato da parte del Comune) al Comune di Isola delle Femmine. Signor “Sindaco” secondo Lei per il Suo tipo di gestione e il conseguente danno economico che ha Lei arrecato alla Cittadinanza non si potrebbe prefigurare un eventuale danno erariale a Suo carico?
SICAR: Il Comune detiene l’area in quale veste? L’utilizzo dell’area di una ditta per lo stoccaggio dei rifiuti; Chi ha autorizzato l’uso dell’area per lo stoccaggio dei rifiuti? Vi sono autorizzazioni di legge per l’utilizzo dell’area per raccolta rifiuti? Le informazioni in nostro possesso ci dicono che sin dall’anno il giudice aveva revocato l’autorizzazione al Comune concessa nell’anno 2000. Qualora il Comune avesse voluto mantenere l’uso dell’area doveva essere versato un canone di locazione. Nonostante ciò l’occupazione dell’area proseguiva da parte del Comune accettando il canone imposto. Nel 2004 a seguito di un incendio occorso nell’area industriale il giudice revoca l’autorizzazione all’uso dell’area. Nell’anno 2005 Il comune veniva diffidato alla restituzione dell’area e al pagamento di una indennità di circa 50.000 . Dal registro delle notizie di reato provvedimento 11666/04 è stato emesso decreto di sequestro dell’area per la violazione del Decreto Legislativo 22/97 art 51, come d'altronde era stato accertato nei luoghi in data agosto 04. Il SINDACO CI HA SEMPRE DETTO CHE L’AREA ERA DETENUTA DAL COMUNE A TITOLO GRATUITO. L’USO DELL’AREA DA PARTE DELLA DITTA ZUCCARELLO PER LA RACCOLTA RIFIUTI E’ STATA DISPOSTA DAL COMUNE. DEPOSITO IMMONDIZIA ED INCENDIO ALLA SICAR.


T I T O L O

Nessun commento:

Posta un commento